Bio ~ Veronica Marchi
bio-occhi
biografia

Veronica Marchi è cantautrice, polistrumentista, vocalcoach e produttrice. Classe 1982, nasce a Verona, l’ultimo giorno dell’anno, all’una di notte.

I primi anni1986-2004

Inizia a cantare all’età di quattro anni, studia pianoforte classico e a nove anni scrive la sua prima canzone. Da lì non si è più fermata. Mescola gli studi classici alla grande palestra che è il palcoscenico, mentre grandi nomi della musica internazionale e italiana ne accompagnano la crescita artistica, da Alanis Morissette a Carmen Consoli, da Jeff Buckley a Rino Gaetano, da David Bowie a Lucio Battisti.

Capace di saltare dal pop all’indie folk, i suoi live si contraddistinguono per eleganza, delicatezza e autenticità artistica. Una sensibilità che la porta ad aprire i concerti di molti grandi della musica italiana, tra cui Niccolò Fabi, Cristina Donà, Eugenio Finardi, Nina Zilli, Antonella Ruggiero e Davide Van de Sfroos.

Parte dalle esibizioni nei locali, nel 1998, con un trio acustico da lei fondato. Si susseguono svariate formazioni fino ad arrivare al più importante sodalizio, quello con la violinista e polistrumentista Maddalena Fasoli, con cui collabora tutt’ora.

Di lì a poco conoscerà, nel 2004, anche il chitarrista e polistrumentista Andrea Faccioli.

veronica-marchi-testi-canzone
veronica-marchi-debutto

Il debutto2005-2010

Il 2005 è l’anno del suo debutto discografico. Esce il suo album d’esordio, che porta soltanto il suo nome. Il disco è prodotto da Luigi Pecere (La Matricula/Venus). Arrivano anche i primi riconoscimenti come la vittoria del premio “Rai demo 2005” e la prima edizione del Premio “Bianca D’Aponte 2005”.

Nel 2006 si aggiudica la terza edizione del premio “L’artista che non c’era” e chiude l’anno con la vittoria della prima edizione del concorso “Songwriters”.

Il 21 giugno 2007 esce “Saldi di primavera”, il primo singolo che anticipa l’uscita del nuovo album e segna l’inizio del secondo capitolo del suo percorso musicale. A luglio vince il “Giffoni Music Concept 2007”.

Il 9 maggio 2008 esce il suo secondo lavoro intitolato “L’acqua del mare non si può bere” (LaMatricula/Venus). Questo disco è però segnato da due grandi abbandoni, Veronica sceglie, dopo anni di lavoro insieme, di lasciare il suo manager David Bonato, e poco dopo anche il suo produttore Luigi Pecere. Inizia così un lungo e illuminante cammino solitario.

Nel 2009 Veronica non si limita a perseguire la sua carriera di cantautrice, bensì intraprende nuove strade che ampliano le sue capacità artistiche. Dal 2009 al 2013 è parte della compagnia teatralmusicale di Natalino Balasso, per la serie di spettacoli intitolati “Fog Theatre” (in collaborazione con Patrizia Laquidara).

Il 7 agosto 2010 Veronica Marchi è a Cracovia (Polonia) come unico artista italiano del “Leonard Cohen Event 2010”.

Il debutto2005-2010

Il 2005 è l’anno del suo debutto discografico. Esce il suo album d’esordio, che porta soltanto il suo nome. Il disco è prodotto da Luigi Pecere (La Matricula/Venus). Arrivano anche i primi riconoscimenti come la vittoria del premio “Rai demo 2005” e la prima edizione del Premio “Bianca D’Aponte 2005”.

Nel 2006 si aggiudica la terza edizione del premio “L’artista che non c’era” e chiude l’anno con la vittoria della prima edizione del concorso “Songwriters”.

Il 21 giugno 2007 esce “Saldi di primavera”, il primo singolo che anticipa l’uscita del nuovo album e segna l’inizio del secondo capitolo del suo percorso musicale. A luglio vince il “Giffoni Music Concept 2007”.

Il 9 maggio 2008 esce il suo secondo lavoro intitolato “L’acqua del mare non si può bere” (LaMatricula/Venus). Questo disco è però segnato da due grandi abbandoni, Veronica sceglie, dopo anni di lavoro insieme, di lasciare il suo manager David Bonato, e poco dopo anche il suo produttore Luigi Pecere. Inizia così un lungo e illuminante cammino solitario.

Nel 2009 Veronica non si limita a perseguire la sua carriera di cantautrice, bensì intraprende nuove strade che ampliano le sue capacità artistiche. Dal 2009 al 2013 è parte della compagnia teatralmusicale di Natalino Balasso, per la serie di spettacoli intitolati “Fog Theatre” (in collaborazione con Patrizia Laquidara).

Il 7 agosto 2010 Veronica Marchi è a Cracovia (Polonia) come unico artista italiano del “Leonard Cohen Event 2010”.

veronica-marchi-debutto

La conferma2011-2016

Nell’agosto del 2011 Veronica entra nuovamente in studio con Maddalena Fasoli, Andrea Faccioli e Nelide Bandello. Registra il terzo album che vede la luce il 20 aprile 2012 con il titolo “La guarigione” (Cabezon/Audioglobe), e che vanta la prestigiosa collaborazione artistica di Dario Caglioni.

Nel giugno 2014, dopo una fortunata campagna di raccolta fondi su Musicraiser, Veronica pubblica il suo primo album da interprete. “coVer” è un disco che racchiude 16 anni live in acustico, in solitaria e in perenne ricerca.
Ad ottobre è in tour tra Repubblica Ceca e Polonia, per un tour “visibile” su tutti i maggiori social network, grazie anche al supporto dell’agenzia di comunicazione Pensiero Visibile.

Nella primavera del 2015 è a Dijon, in Francia, per “Italiart Festival”. Sempre nel 2015 ha co-prodotto e scritto i brani dell’ep d’esordio di Sole (con Fabio Campedelli, Wea) raggiungendo i Bootcamp di XFactor#9.

Il 2016 impressiona giudici e pubblico ai casting di X Factor 10 con la sua personalissima cover del brano dei Foo Fighters “Walk”, di cui pubblica anche il video. Entra nella squadra di Manuel Agnelli, superando i bootcamp e approdando infine agli home visit. Conclusa l’esperienza del talent di Sky, Veronica si dedica a preparare “Io e Veronica Tour”, durante il quale si esibirà nei teatri delle maggiori città del nord Italia.

veronica-marchi-cover